Chiesa di San Giacomo in Augusta

Roma - via del Corso

La chiesa di San Giacomo in Augusta nasce come chiesa compresa nell'ospedale S. Giacomo in Augusta sorto vicino al Mausoleo di Augusto con la vocazione di curare i pellegrini malati che provenivano da Nord, l'ospedale è in piedi dal 1339 e venne ricostruito dal 1583, mentre la chiesa venne finita nel 1602 sotto la direzione di Carlo Maderno che lavorò su disegni di Francesco da Volterra.
Chiesa si presenta a pianta ellittica con tre cappelle per lato, la volta mostra un bell'affresco della fine dell'ottocento (foto sotto)
volta san Giacomo in Augusta
Entrando si percepisce immediatamente una sensazione di spaziosità maggiore di quella effettiva, probabilmente dovuta all'armonia degli arredi, alle finte colonne che non sporgono, alla piccola abside o forse più verosibilmente dalla volta ellittica in cui si aprono sei luminose finestre.
Subito a destra c'è la cappella battesimale (ormai trasformata in ufficio) nella quale è esposta la bellissima tela "la Resurrezione" del Pomarancio, appena dopo in una cappella la pala d'altare "Adorazione dei Pastori" di A. Grammatica.

san giacomo in augusta

L'altare maggiore è diviso dalla navata da un'elegante balaustra in marmi policromi nella quale si notano, per la fine ebanisteria, gli sportelli di passaggio verso l'altare, lo stesso altare è magnificamente eretto armonizzando marmi e manifatture ebanistiche di grande pregio risalenti al seicento.
A sinistra dell'altare la cappella dei Miracoli prende il nome dall'icona quattrocentesca raffigurante una Madonna con Bambino che anticamente era all'interno di una delle torri delle Mura Aureliane, la cappella è riccamente decorata con la pala d'altare scultorea raffigurante "la Madonna dei Miracoli e S. Francesco di Paola" di Pierre Le Gros.

Tags: Roma chiesa di San Giacomo in Augusta

sito web ufficiale

tags:

tags: Roma chiesa San Giacomo Augusta Pomarancio

Chiese di Roma