Serre Ponçon e Gole del Verdon - 2009

Di Diana (Wallaby)

Verso il lago di Serre Ponçon e poi giù verso le Gole del Verdon

29 maggio - 2 giugno 2009

Partiamo ven. 29/5 verso le 20:45 diretti a Briançon dove arriviamo alle 23.30 e fortunatamente troviamo posto sotto al Forte nel parcheggio Champs de Mars già gremito di camper.
Quando ci svegliamo la maggior parte dei camperisti è già partita, quelli che sono ancora lì son tutti dentro la pasticceria-panetteria che si affaccia sul piazzale.
Il tempo non promette nulla di buono e fa freschino per cui per accontentare l'adolescente che ci degna della sua presenza, che ci ha seguito a patto che le permettessimo di sdraiarsi in riva ad un lago od una piscina per un bagno di sole, scendiamo verso Embrun anziché far due passi in Briançon.

Lago di Serre Ponçon
Sab. 30/5
Giungiamo a Embrun che splende il sole, parcheggiamo comodamente e facciamo un giretto nel centro storico, qualche foto e l'immancabile spesa al mercato nella piazzetta. Cittadina graziosa, vale la sosta.
Ritorniamo al camper intenzionati a cercare un posto per fermarci lungo il Lago di Serre Ponçon. Ci dirigiamo a Savine Le Lac e percorriamo la strada panoramica D954, scattiamo un paio di foto alle Demoiselles Coiffées e poi ci fermiamo in riva al lago per un pranzo sotto il sole. Nel frattempo però ci hanno raggiunto i nuvoloni che pensavamo di aver lasciato a Briançon, cercando di depistarli decidiamo di scendere ancora, la meta è un altro lago (St. Croix) e le Gole del Verdon, quindi proseguiamo verso Digne les Bains dove giungiamo alle 17.
L'area di sosta è lontana dal centro, proprio di fronte alle terme. Parcheggiamo in centro, stalli lunghi, con parchimetro e facciamo giusto un giretto.
Il paese un po' smorto, non induce ad una sosta più lunga, forse perché fuori stagioneper cui si prosegue. Ci troviamo su di un altopiano e attraversiamo sterminati campi di lavanda che però purtroppo è ancora chiusa, chissà tra 15/20 giorni che meraviglia ci sarà qui!
Arriviamo a Moustiers St. Marie e troviamo posto nell'ampio parcheggio sotto il paese (C.S. no corrente Euro 6/notte) un po' polveroso, sconsigliabile in caso di pioggia.
All'ora di cena saliamo verso il paesino e ci fermiamo in un ristorante sotto la cascata. Il paesino è delizioso, una bomboniera, soprattutto quando scende il sole e si accendono le scenografiche luci. Da non perdere.

Moustiers St. Marie

Dom. 31/5
Ci sveglia un caldo sole per cui vorremmo trovare un posticino carino sul lago di St. Croix e rilassarci un po' al suo tepore.
A Les Salles sur Verdon ci sono diverse possibilità di sosta nei parcheggi in riva al lago (sterrati) ma con divieto per la notte. E' stata smantellata una bellissima area per 100 camper all'ingresso del paese, il sindaco ha lottizzato il terreno e vuol far sparire i camper dalla zona. Attraversiamo il paese e ci fermiamo subito dopo in un piccolo parcheggio con C.S., gratuito e senza divieto di sosta per la notte (per il momento).
Ci sono ca. 16 posti ma ora di sera saremo in una ventina di camper, francesi, tedeschi ed olandesi, gli unici italiani siamo noi tre, e tra l'altro abbassiamo notevolmente l'età media.

Les Salles sur Verdon
La spiaggia è a pochi passi, subito dopo il monumento eretto a ricordo del vecchio paese che è stato sommerso dalle acque nel 1973/1974 quando si inaugurò la diga che portò alla formazione del lago. La vegetazione intorno ricorda le coltivazioni del territorio, olivi, lavanda e mandorli nonché le genti che vivevano di pastorizia.
Poco dopo si trovano due bei campeggi, La Sources e Les Pins.
Restiamo tutto il giorno, tra spiaggia e passeggiate nella pineta ed in paese.
Durante la cena uno scroscio di pioggia ci rinfresca. Grazie al cielo dura poco e non crea pantano nel parcheggio sterrato.

Lun 1/6
Per i francesi è festa (Pentecoste).
Al mattino il tempo non sembra promettere bene per cui salutiamo tutti i simpatici pensionati del parcheggio e ci spostiamo prima in paese per la spesa e poi verso le Gole. Giunti all'imbocco delle Gole sia aprono le nuvole e spunta un caldissimo sole per cui decidiamo di fermarci in spiaggia fino a che il tempo ce lo consente.
Non c'è ancora in giro molta gente e riusciamo a fermarci proprio accanto alla spiaggia, scarichiamo le sdraio e ci spaparanziamo fino all'ora di pranzo.
Da qui, volendo, potremmo noleggiare un pedalò ed inoltrarci nelle gole (euro 12/ora) ma non riusciamo a resistere alle sdraio che ci aspettano in riva al lago.
Prendiamo il sole, facciamo uno spuntino in spiaggia e nel momento in cui spunta qualche nuvoletta e arrivano orde di motociclisti, famigliole numerose, tavolini, sedie, racchettoni, ci guardiamo in faccia e raccogliamo le nostre cose.

La Corniche Sublime ci è stata sconsigliata dai camperisti francesi coi quali abbiamo chiacchierato al parcheggio di Les Salles, dicono che il nostro camper è un po' troppo lungo (7mt.) e alto (3.2) e per percorrerla in maniera rilassata bisogna partire la mattina molto presto, non fa per noi ma adesso capisco perchè alle 7 ho sentito dei camper partire.

gole del verdon

Ci dirigiamo pertanto verso l'altra strada che costeggia le gole, la D952, sicuramente meno scenografica ma pur sempre molto bella e, sebbene parecchio trafficata da camper e moto, consente una guida rilassata.
Riusciamo a percorrerne buona parte ed ammirarne i panorami quando si scatena il temporale e data la scarsa visibilità giunti a La Palud ci rendiamo conto che è inutile percorrere la Route des Cretes tantomeno fermarsi alla Pointe Sublime, proseguiamo oltre verso Castellane. Peccato, ma contiamo di ripassare di qui un'altra volta. Lungo la strada troviamo le tracce di una copiosa grandinata, grazie al cielo è passata prima di noi.
Arriviamo alle 16 a Castellane che ancora piove, facciamo una sosta per berci un the poi ci avviamo verso Digne les Bains.
Proseguiamo in direzione del Lago di Serre Ponçon percorrendo l'altra strada panoramica verso la diga.
Giunti sul posto non troviamo un posto invitante per la notte per cui percorriamo ancora qualche chilometro verso Chorges dove sosteremo in un grande parcheggio per camper vicino il palazzo delle feste, ben segnalato, gratuito.
E' sterrato, senza servizi, ma tranquillo e vicino al centro di questo paesino abitato da fantasmi. Mangiamo in camper e poi usciamo per un giretto ma non c'è in giro un'anima.
Incuriositi dall'illuminazione che scorgiamo di fronte al Municipio scopriamo che il paesino è gemellato con Bricherasio (TO), gli hanno anche intitolato la piazza antistante dove il nostro tricolore sventola accanto alla bandiera francese.
Percorriamo la Via dei Balconi e la Via delle Terrazze, devono avere poca fantasia nella scelta dei nomi delle vie, nessuno in giro, le persiane già chiuse e solo qualche finestra illuminata, incredibilmente troviamo ben sei agenzie immobiliari, e solo due panetterie! Ci chiediamo che tipo di mercato immobiliare ci possa essere. Non sembra una località turistica ma più un luogo di transito.

Mar. 2/6
Dopo una notte tranquilla partiamo per risalire sul Monginevro. Splende il sole per tutto il viaggio. Imbocchiamo l'autostrada in direzione Torino-Milano e viaggiamo comodamente senza traffico fino all'ora di pranzo quando, come al solito, ci fermiamo all'area di Villarboit. Il traffico è praticamente inesistente, i lavori sull'autostrada sono terminati per cui arriviamo tranquillamente a casa nel primo pomeriggio.
Quindi, tutto il tempo per fare le pulizie al camper, quelle di primavera, di Pasqua e anche di Natale, come il mio co-pilota adora.

Conclusioni: la Francia vale sempre il viaggio, anche andando a zonzo senza troppi programmi, qualcosa piacerà meno, qualcosa piacerà di più ma si troverà sempre il posto adatto a ciascuno e gente cordiale con cui scambiare quattro chiacchiere.
E' stata però un'amara sorpresa venire a conoscenza dell'atteggiamento del Sindaco di Les Salles sur Verdon che osteggia i camperisti in maniera vigorosa sebbene abbia contro tutti i commercianti e ristoratori del paese, come ci hanno confermato diverse persone del posto con le quali abbiamo parlato. Come al solito abbiamo mangiato bene, bevuto anche meglio e speso il giusto.

Km percorsi parziali totali
Milano Briançon 240
Briançon Embrun N94 46 / 286
Embrun Digne les Bains N94 D954 D900 96 / 382
Digne Moustier S.t Marie N85 D907 D56 D95 46 / 428
Moustier Les Salles sur Verdon D957 13 / 441
Les Salles Castellane D957 D952 52 / 493
Castellan Digne les Bains N85 52 / 545
Digne Chorges D900 D3 88 / 633
Chorges Briançon N94 71 / 704
Briançon Milano 240 / 944

Condividi

Archivio